la cruna dell'ago

Icona

Ciò che passa. Per la testa e per il Blog.

Luci spontanee da Cambridge fuori uso

A destra Boston, a sinistra la luna sovrasta gli edifici spenti dell'MIT. In mezzo, tra le due città, scorre il Charles River

A destra Boston, a sinistra la luna sovrasta gli edifici spenti dell’MIT. In mezzo, tra le due città, scorre il Charles River

Dove non è arrivato l’uragano Sandy ci ha pensato un banale guasto tecnico. La società elettrica, già in odor di multe salate per altre mancanze, ha affidato l’elettricità di Cambridge, Massachussets, a un relay difettoso mentre lavorava sulla linea principale.

E’ giovedì pomeriggio, sono al computer, la lampada all’angolo della stanza balbetta, resiste, si spegne. La torcia d’emergenza si fa notare. C’è luce a sufficienza per girare per casa, sono le 16.20, ma qui a Cambridge siamo già all’imbrunire. La verifica dà l’esito atteso: i vicini sono senza elettricità, il lampione è spento. E’ il fatidico power outage. Minacciato alla vigilia di Sandy, tutti pronti con provviste e illuminazione d’emergenza ad affrontare giornate senza frigorifero né luce, quella volta non arrivò, nessun albero abbattè qualche pericolante palo della luce. Stavolta il cielo è limpido, la luna quasi piena, non c’è vento. Senza Internet non posso continuare il lavoro in corso, riunisco le torce sul tavolo vicino all’ingresso, quella a carica manuale la infilo in tasca e mi incammino verso la metropolitana.

Nemmeno le 5 di sera e già è buio. Il traffico è congestionato e i fari delle auto sono l’unica fonte di illuminazione. Agli incroci ci si guarda fisso negli occhi, anche se a volte sono dei fanali fastidiosi, ma si inizia a percepire quanto si perda senza elettricità. Semafori, lampioni, il bar all’angolo, banca e palestra sono forzatamente bui. Cuoco e cameriere di un fast food sono seduti al tavolo del loro locale vuoto e guardano la vetrina al contrario come un grande schermo. Danno uno di quei film apocalittici. Chissà quale mostro è arrivato in città questa volta, di sicuro si è rosicchiato qualche cavo ad alta tensione. Le sirene in lontananza fanno da colonna sonora mentre arrivo a Central Square. La polizia si è messa di traverso su Mass Ave, non si passa. O meglio, passa solo l’autocisterna, ché forse più lontana sta dalla piazza congestionata meglio è. Chi ha potuto raggiungere l’uscita, salvo gli sfortunati negli ascensori, ha abbandonato il posto di lavoro. Tutto è blu o rosso, a intermittenza: l’unica fonte luminosa sono i lampeggianti della polizia.

In quegli istanti ad Harvard era in programma un confronto sulle elezioni presidenziali con i responsabili della macchina mediatica di Obama e Romney. Cancellato. All’MIT entrano in funzione i generatori d’emergenza per i servizi essenziali, ma il campus è al buio e ci sono persone negli ascensori.

Scendo alla metro. Le macchine dei biglietti sono spente, tornelli aperti, nessun treno sui binari, ma soprattutto mancano i rumori. Se arriverà, il prossimo treno non sarà annunciato. Decine di persone attendono fiduciose. Io non mi avvicino al binario, ma aspetto con loro. Sono curioso, voglio sapere se la linea rossa è operativa. Il treno alla fine arriva, stracolmo. I resoconti del giorno dopo parlano di ritardi incredibili per una metropolitana: c’è chi ha impiegato un’ora per un tragitto che normalmente dura 20 minuti.

Chi arriva nel blackout dall’altra parte del fiume, da Boston dove tutto funziona, sale le scale mobili ora immobili e sbuca in un crocevia che non ha mai visto così. Gente chiama a casa, al lavoro, cerca di rintracciare i propri cari, avvisare, chiedere spiegazioni. Sono 17mila le persone coinvolte da questo guasto.

Torno verso casa. Prenderò le torce e raggiungerò Enrica al suo ufficio. E’ pericoloso camminare lungo strade buie. Noto che la strada a Ovest della mia ha riacquistato colore, il grande cartello dei lavori in corso è acceso. Ma il ritorno alla normalità, pare, vale soltanto per una piccola fetta di Cambridge, il resto è ancora buio. Una signora chiede a un passante di poter fare una telefonata col suo cellulare, non viene ascoltata. Il prossimo sono io, mi fermo e l’accontento. Doveva chiamare il marito che, sì, si trova ancora dall’altra parte della città, bloccato. Pochi passi e mi si para di fronte sul marciapiede una donnona nera in pantofole, che gentilmente ma tradendo preoccupazione nella voce mi chiede se i treni siano in funzione: attende il rientro della figlia.

Bella socialità quella del power outage, forza a chiedere una mano, senza luce si è scoperti in qualche mancanza. Solo per gli automobilisti non è in fondo così diverso. Anzi, si può finalmente approfittare ad ogni incrocio senza aspettare inutilmente pedoni che non ci sono o il verde anche per proseguire dritti (girare a destra col rosso è possibile quasi sempre, salvo concorrenti da sinistra). Sarà la fretta, sarà che la mia torcia era fiacca, fattostà che a momenti mi investono mentre mi avvicino al confine della zona buia. Anche il ponte sul Charles River è nell’oscurità, ma qui è piacevole. Un fotografo piazza il cavalletto sulla balaustra e inquadra la luna, quasi piena e sospesa tra una Boston sfavillante e il buio (per due ore) quartiere della scienza targato MIT.

Annunci

Archiviato in:storie, , , , , ,

Primarie, i bostoniani scelgono Renzi

Sono andato a scrutare il lavoro del seggio di Boston, allestito in un ristorante pizzeria non lontano dal centro della città. Ho trovato persone molto impegnate per rendere possibile l’espressione del voto alle primarie del Centrosinistra 2012 e quindi per la preferenza al candidato presidente del consiglio. Per la cronaca vince Renzi tra i 61 elettori registrati al Pasta Beach, ma molti anche a Boston hanno scelto il voto online e, soprattutto, è un numero che l’indomani sarà una piccola goccia tra gli oltre 3 milioni di elettori complessivi.

Archiviato in:storie, video, , , , , , ,

La lenta marcia dei treni veneti rende irraggiungibili le montagne

FELTRE (Belluno) – Treni sempre più lenti aumentano il divario tra montagna e pianura veneta. Un gruppo di pendolari della linea Feltre-Padova sta registrando da mesi le performance dei loro convogli. I ritardi di un mese, infatti, valgono mezza giornata di lavoro. In luglio il record: 344 minuti. Certificata l’inefficienza del servizio, è scattata la petizionee 500 firme sono pronte alla consegna.

I DATI – Per questi pendolari il rientro a casa non è mai semplice. I ritardi mensili superano sempre abbondantemente i 100 minuti. Generalmente la discesa dalle Prealpi a Padova si avvicina alle tabelle di marcia, ma dopo una primavera tranquilla si è tornati ai livelli di gennaio, sopra i 120 minuti mensili di sforamento. Dalla bozza di contratto tra Regione Veneto e Trenitalia (la versione definitiva sembra essere top secret) si evince che l’impegno prevede che il 91,5% dei treni arrivi entro i 5 minuti di ritardo. «Così la Regione accetta di abbonare 5 minuti», conclude Lucio D’Alberto, professione pendolare in fasce orarie che si vanno dilatando negli anni.

 

“SPREAD” FERROVIARI – Quota che vai, disservizio che trovi. Se i maggiori ritardi si accumulano in pianura, dove ci sono più utenti (lavoratori e studenti), più fermate e più tratte da incastrare, salendo verso la montagna i rari treni che in estate dovrebbero portare i turisti al refrigerio viaggiano sbuffando sul binario unico, non elettrificato. Anche se per Francesco Ferrarese sono «vecchi ma onorabilissimi», poi, i treni Aln668 fanno un po’ vergognare Carla De Faveri, quando turisti diretti alle Dolomiti passano dalle Frecce alle littorine esclamando: «Non pensavo esistessero ancora treni così!».

LE STORIE – «Ho il piacere di accumulare ritardi e disservizi su due linee diverse», racconta Monia Dal Col, che viaggia tra Belluno e Vicenza, «dal 2005 ad oggi impiego quasi 50 minuti in più per arrivare a destinazione. Pago per salire su un treno di cui ho una vaga idea della partenza e una pia illusione sull’orario di arrivo. Per cercare di fare “coincidenza”, non più garantita da Trenitalia, devo confidare sul buon cuore di capitreno e capistazione». Lucio afferma amaro che «l’unico diritto è a venir trasportato, il che avviene quasi sempre, mentre l’optional puntualità è un miraggio; l’optional informazione è a intermittenza; l’optional pulizia purtroppo dipende anche dagli utenti». Carla si chiede «chi mi risarcisce delle mezz’ore mensilmente decurtate dal mio stipendio per essere arrivata in ritardo? Chi mi ridà il tempo che non ho passato con la mia famiglia?».

LE RICETTE – Investire su infrastrutture e manutenzioni perché «un temporale non dovrebbe causare ritardi di ore». I pendolari non hanno dubbi sulle strategie che dovrebbe adottare Trenitalia per migliorare. Il bisogno di informazione è sentito quanto la puntualità. Carla propone una sorta direview del servizio, per capire dove si annidino davvero le inefficienze. Imputati sono anche Regione ed enti locali, che dovrebbero, dicono i pendolari, sorvegliare meglio il rispetto degli impegni contrattuali e sostenere il trasporto su rotaia, prezioso per i turisti e fondamentale per la qualità della vita dei cittadini.

Questo articolo è stato pubblicato da Il Vostro Quotidiano l’8 agosto 2012

Archiviato in:data, inchiesta, infographic, news, storie, veneto, , , , , ,

Prossimo evento #HHVE

Nessun evento in arrivo

Twitter

Inserisci la tua email e sarai avvisato quando ci saranno aggiornamenti

Segui assieme ad altri 650 follower

Stats

  • 2,646 hits

Argomenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: