la cruna dell'ago

Icona

Ciò che passa. Per la testa e per il Blog.

Esercizio d3 sulla fruizione dei media in Italia

2013-05-30_1554

Ispirato da un pregevole lavoretto di DataNinja sulla diffusione dei giornali, oggi ho deciso di prendere proprio dei numeri sui media per il mio primo test con d3. Edward Tufte, l’ho sentito con queste orecchie, ha detto che d3 è il futuro. Io non solo mi fido del guru, penso anche che questa libreria sia già da troppo tempo tra noi perché io non ne sappia ancora abbastanza. Dunque: magazzino dei dati Istat, comunicazione, dati nazionali. L’istituto compila delle statistiche sugli italiani almeno seienni che leggano il giornale almeno una volta a settimana e su quelli dai tre anni in su che guardino la tivù o ascoltino la radio. Non mi metto, qui, a disquisire sulla metodologia, sul fatto che nei canali c’è molto da sentire e vedere oltre all’informazione e così via. Qui l’Istat è vangelo. Questa è soltanto una mia piccola e neanche troppo riuscita esercitazione.

Scelto il grafico a linee e trovato un modello, realizzo il mio prototipo. WordPress.com non si mangia il mio prodotto. Allora varo un nuovo dominio ad hoc e proprio su questa pagina si trovano i due grafici. Il primo confronta le percentuali di pubblico tra i tre media, il secondo le età dei lettori di giornali. Mi accorgo, con un certo disagio, che io e i miei coetanei poco più che trentenni leggevamo tantissimo negli anni delle occupazioni a scuola e delle prime passioni politiche. In quel quasi-90-percento ci sarà finito dentro un bel 100% di Gazzetta sportiva del lunedì, complice il Fantacalcio. In ogni caso, la percentuale di quindici-diciassettenni che leggevano il giornale almeno una volta la settimana era bella sostenuta.

Poi cos’è successo? Oltre all’alluvione del web, intendo. Beh, per esempio che quei divoratori di giornali hanno iniziato a sognare di fare i giornalisti, mentre i giornali decidevano di saltare una generazione almeno e di tentare di far parlare i quindicenni di oggi con le stesse persone che mi e ci appassionavano vent’anni fa. Alt. Scusate. Questa è un’esercitazione, non un paper sui giovani e i media o su illuminate strategie editoriali. Quindi mi limito a dire che sì, ho appena accarezzato la superficie di d3.js e che no, non c’è niente di interattivo nei miei grafici. Illustrator rimane lì bello potente e fiero, per il momento. Ma sento che gli potrò far mangiare della polvere in una delle prossime giornate ispirate.

Annunci

Archiviato in:data, editoria, infographic, informazione, , , , , , , ,

Impatti del clima sui cereali [poster]

Are cereals globally in trouble?
Clicca per ingrandire

Quali saranno gli effetti del cambiamento climatico sui cereali più coltivati dall’uomo? Il working paper “Are cereals globally in trouble?” analizza una scenario climatico e gli impatti che provocherebbe nel 2050 sull’agricoltura a partire dalle relazioni e reazioni clima-produttività riscontrate negli ultimi decenni. La proiezione sul futuro mostra aree sensibili esposte a caldo estremo, allagamenti o siccità.

Ho tradotto dati e contenuti del paper in un poster grande IMG-20130514-WA0000formato (42×60 pollici) presentato alla conferenza annuale del Center for Geographic Analysis di Harvard e come progetto finale del corso Geographic Communication Today tenuto da Jeff Blossom alla Harvard Extension School. Il poster sarà affinato e integrato con il progredire della ricerca, condotta dalla Marie Curie Fellow Enrica De Cian con il professor Ian Sue Wing della Boston University.

Archiviato in:agricoltura, ambiente, cambiamento climatico, data, economia, infographic, , , , , , ,

Sfogliando quello che i sondaggi dicevano

Apri l’opuscolo

In cinque giorni oltre 11mila persone hanno sfogliato questo opuscolo, pubblicato da Youtrend.it il venerdì elettorale. Contiene le infografiche uscite sullo stesso sito, specializzato in dati e politica, nel corso del mese precedente alle elezioni 2013. Il team di sei persone, di cui faccio parte, ha raccolto le liste e i sondaggi disponibili fino all’8 febbraio, poi ha elaborato i dati delle rilevazioni secondo le regole della legge elettorale per restituire all’elettore una guida più essenziale possibile. L’assenza di preferenze, infatti, automatizza l’elezione dei candidati in base ai voti del partito e della coalizione. Inutile dunque soffermarsi sugli eletti sicuri o su chi non ha alcuna chance. Gli elettori che hanno consultato questa guida hanno avuto un’idea più possibile realistica su chi si stava realmente giocando il seggio parlamentare. Le visualizzazioni sono limitate alle regioni considerate più incerte e importanti ai fini del risultato nazionale. Il mio ruolo nel team è stato trasferire nella visualizzazione grafica i risultati dell’analisi sui dati.

Archiviato in:data, infographic, news

Prossimo evento #HHVE

Nessun evento in arrivo

Twitter

Inserisci la tua email e sarai avvisato quando ci saranno aggiornamenti

Segui assieme ad altri 650 follower

Stats

  • 2,646 hits

Argomenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: