la cruna dell'ago

Icona

Ciò che passa. Per la testa e per il Blog.

Ma l’assessore veneto suggerisce: andiamoci calmi

L'assessore Maurizio Conte

L’assessore Maurizio Conte

VENEZIA – Spegnere sì, ma con misura. E burocrazia. Maurizio Conte, assessore all’Ambiente della Regione Veneto, ha notato che i Comuni hanno iniziato a ridurre l’orario di servizio notturno dei lampioni per risparmiare qualche euro dei cittadini. Secondo Conte la prassi «presenta aspetti pesantemente negativi» perché «non si può prescindere dal garantire al cittadino di potersi muovere sul territorio con la massima sicurezza possibile». Le associazioni di astrofili e cultori della legge veneta sull’inquinamento luminoso, considerata la più avanzata in Italia, storcerebbero il naso di fronte a tanta prudenza, citando studi ed esperienze di altri Paesi secondo i quali l’equazione “luce uguale sicurezza” sarebbe una leggenda metropolitana. Ma l’assessore leghista lascia qualche spiraglio ai sindaci che vogliano cercare d’imboccare la strada del risparmio energetico: basta che «l’azione sia coordinata con interventi e soluzioni compensative, frutto di un attento studio che tenga conto di molteplici aspetti», scrive Conte in una nota stampa. Serve il “Piano dell’illuminazione per il contenimento dell’inquinamento luminoso”. La Regione ha aperto i bandi ed è «in procinto» di finanziarli. Quindi prima di risparmiare soldi pubblici spegnendo le luminarie, servono i soldi regionali per la scrittura degli appositi piani. Inoltre, occorre l’accompagnamento dell’Osservatorio permanente sul fenomeno dell’inquinamento luminoso, istituito presso la direzione generale dell’Arpav. Si può pensare, dice Conte, di installare riduttori di flusso, cambiare le lampade con nuove ad elevato rendimento, montare apparecchi a Led (ma ancora sconsigliati dalle associazioni contro l’inquinamento luminoso). «Sono pienamente consapevole delle difficoltà economiche che stanno attraversando le amministrazioni pubbliche – conclude Conte  – ma invito gli amministratori a cercare di evitare azioni di spegnimento, senza che ci sia una programmazione ragionata degli interventi».

Questo articolo è stato pubblicato da Il Vostro Quotidiano il 5 luglio 2012

Annunci

Archiviato in:ambiente, energia, veneto, , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Argomenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: